IL CENTRO DEL SUONO
MOSTRA "Le Origini
degli Strumenti Musicali"

Progettazioni Acustiche - SOUND DESIGN
MUSICA - ARCHEOLOGIA: MUSEI
I SUONI DELLA PREISTORIA
ELETTRONICA E WEB
IN RETE
WALTER MAIOLI ATTIVITA'
Cerchio e punto, logo soundcenter.it

logo soundcenter.it

SYNAULIA "Suoni, Musica e Danze
dell'Antica Roma e dell'Antichità"

L'angolo dello SCACCIAPENSIERI
THE FLIYNG RHOMBUS SOCIETY
CONCERTI
DIDATTICA
INSTALLAZIONI SONORE
FILM - TEATRO
CD / DVD - CALENDARIO
pagina precedente
this page in english
home
home italiano

home
home english
home
home espaƱol
  E-Mail : soundcenter@soundcenter.it
E-Mail : synaulia@soundcenter.it
E-Mail : cdsoundcenter@soundcenter.it


Sei nella sezione: WALTER MAIOLI ATTIVITA'

    Walter Maioli | Flauti, dalla Preistoria all’elettronica | Plinio, l'usignolo e le tibiae | Aktuala |

  Condividi


collage immagini Walter Maioli


Walter Maioli

Nato a Milano nel 1950. Musicista – artista – ricercatore, paleorganologo, flautista e compositore. Figura eclettica, innovatore a livello mondiale. Iniziatore nel campo della musica e archeologia sperimentale applicata allo spettacolo di epoca preistorica e dell’antichità, e della riscoperta dei poteri psicoacustici dei suoni archetipi, delle sonorità della Natura, gli Antichi Paesaggi Sonori e le culture sonore arcaiche. Anticipatore delle nuove correnti musicali come la musica del Mediterraneo, la World Music. Le ricerche che svolge in anteprima le applica allo spettacolo, nella didattica e nella terapia, realizzando concerti, laboratori, esposizioni, istallazioni, art works, CD, libri, suoni e musiche per il teatro, musei, video, film e progettazioni acustiche tra natura e tecnologia per un sound design del futuro.
Tra i lavori svolti centinaia di concerti nelle aree archeologiche e musei di tutta Europa, in aree naturalistiche e in diversi circuiti musicali con I Suoni della Natura e della Preistoria, i gruppi SYNAULIA (musica-danza e teatro dell’Antica Roma) , Futuro Antico, Aktuala. Nel teatro lavora con Giorgio Albertazzi e Yoshi Oida. Nel cinema con suoni, strumenti musicali e partecipazione tra cui per “Il Gladiatore”, “Sogno di Una Notte di Mezza Estate” di “Michael Hoffman”, il serial “Roma”, “Nativity”, e il recente “Agorà”.
Dai primi anni 70 ha viaggiato verso Oriente sulla rotta delle musiche dell’antichità, del flauto ney, in Marocco, Tunisia, Egitto, Turchia, Persia, Afghanistan, Pakistan e Nord India, svolgendo ricerche e laboratori sul campo in Himalaya, Kashmir e Nepal, concerti, radio e televisione a Srinagar, New Delhi, Benares.
Gestisce la prestigiosa collezione “Le Origini degli Strumenti Musicali” del Centro del Suono realizzando mostre tra cui al Museo di Storia Naturale di Milano e per il Conservatorio olandese di Den Haag.
E’ autore di varie pubblicazioni, tra cui : Walter Maioli, “Le Origini: Il Suono e la Musica” - Jaca Book, Milano 91.

Musica contemporanea – registrazioni, concerti e installazioni

72 - Fondatore del mitico gruppo Aktuala che diffuse la musica del Mediterraneo e Orientale creando la World Music in Italia, realizzando centinaia di concerti e inaugurando il primo Umbria Jazz, influenzando molti artisti come Franco Battiato, Angelo Branduardi e anche il famoso suonatore indiano Trilok Gurtu, che ha realizzato il suo primo Lp con Aktuala.
80 – Gruppo di musica etno-elettronica Futuro Antico (con Riccardo Sinigaglia e Gabin Dabirè ) e gruppo Esplorazione.
84 - Colonne sonore per i video tra i quali: per l’australiano Jeffrey Shaw, video permanente per il Museo la Villette di Parigi.
- Collaborazioni con il Conservatorio di Den Haag, con lo psicologo della musica Frans Evers per il progetto “ Sinestesia “. - Svolge un Concerto – lezione per Jon Cage. - Lavori con Tjebbe van Tijen, per l’ University Library di Amsterdam.
91 - Presenta “ Arte nelle stelle “ suoni per il planetario, al Civico Planetario Ulrico Hoepli di Milano con la collaborazione della musicista astrofisica Fiorella Terenzi.
93 - In Olanda si affianca, in un prestigioso progetto europeo a due compositori, l’olandese Dick Rijmakers e il tedesco Horst Rickels. I tre compositori trasformano un’antico fortino (Fort Asperen) dalle particolari caratteristiche acustiche in un’opera sonora, “Fort Klank”, un enorme strumento musicale costituito da numerose installazioni di strumenti acustici, microscopici e giganteschi, azionati meccanicamente da un computer centrale e amplificati dalla struttura architettonica del fortino stesso. Una fusione tra le ricerche sulle origini degli strumenti musicali e le tecnologie più recenti.
98 - Partecipa alla registrazione del CD “Naked spirit” della straordinaria cantante siberiana Sainkho.
07 - Prende parte al Marvellous Sound Project , primo festival di Suono e Pace a Villa di Montruglio (Mossano, Vicenza) realizzando con Il Centro del Suono installazioni eoliche e una cetra terrestre, svolgendo concerti, conferenze e un laboratorio.


Ricerche di Etnomusicologia in relazione con la Preistoria e l’Antichità

72 - Viaggi alla ricerca delle tradizioni popolari italiane e del mediterraneo, tra musiche arabe, africane, orientali ed europee alla ricerca degli archetipi sonori, che lo porteranno ad una profondo studio delle culture primitive e della preistoria.
76 al ‘79 ha viaggiato verso Oriente sulla rotta delle musiche dell’antichità, del flauto ney (flauto obliquo ad imboccatura aperta), in Marocco, Tunisia, Egitto, Turchia, Persia, Afghanistan, Pakistan e Nord India, svolgendo ricerche e laboratori sul campo in Himalaya, Kashmir e Nepal, concerti, radio e televisione a Srinagar, New Delhi, Benares.
86 - Opera per la salvaguardia del patrimonio musicale dei popoli indigeni fondando la Sound Reporters di Amsterdam, insieme all’antropologo Fred Gales realizza radioprogrammi, musicassette e numerosi concerti tra l’altro con i gruppi papua Sampari e Yamore indios dell’Amazzonia. Collabora con Luis Sarno, famoso ricercatore, per far conoscere la cultura dei Pigmei.
09 – Viaggia per due mesi in Iran per un confronto sulle attuali ricerche nella Musica e Archeologia, i suoni della natura e degli antichi paesaggi sonori.

Musica della Natura & Natura della Musica

Fin dai primi anni settanta Walter Maioli si occupava di sperimentare e mettere in scena, i suoni e le musiche ispirate alla natura. Negli anni ottanta con lo sviluppo della coscienza ecologica e la nascita di associazioni e parchi naturalistici presenta Il metodo “Suonare la Natura - I Primi Strumenti Musicali”
Lavora a fianco di grandi educatori, come Giovanni Belgrano, Carlo Delfrati, Giordano Bianchi, direttore del CEMB di Milano. Ma sicuramente l’aspetto più sorprendente della ricerca avviene quando dalla Musica della Natura Walter focalizza la Natura della Musica con la riscoperta dei poteri psicoacustici dei suoni archetipi.

> Le investigazioni di Maioli sull'impatto delle frequenze tonali degli strumenti antichi e gli elementi della natura nell' ascoltatore hanno costituito un contributo precursore all'adozione di messe a fuoco che si stanno sviluppando ora per applicazioni terapeutiche del suono e della musica, in vista di stimolare e perfino restaurare il cervello umano e l'apparato uditivo con delle tonalità sonore e suoni della natura per calmare e regolare il sistema sensoriale umano. > Alexandra Nicolescu, Archeologa, del Guggenheim di Washington. DC, Newsletter of the Unesco International Council of Museums – vol. 60 – 2007 > no. 2

83 Esplora i suoni della natura attraverso l’elettronica, producendo con Nirodh Fortini il CD di sonoterapia “Taraxacum” pubblicato dalla rivista Anthropos & Iatria.
87 Per tre anni allestisce in anteprima nazionale con Sabino Ventura il Natural Art Laboratory a Morimondo nel Parco del Ticino, lavorando sull’Arte della Natura.
Anche la stampa ha dato risalto al lavoro svolto da Walter Maioli, affiancato dalle due figlie Luce ed Elena, che fin dall’infanzia hanno concorso alla sperimentazione e realizzazione dei metodi didattici.
Oltre a decine di articoli sui principali quotidiani, La Stampa di Torino dedica la pagina intera di copertina dell’inserto “ Le Scienze” alla mostra e laboratorio sui Primi Strumenti Musicali.
Viene pubblicato il libro, tradotto in cinque lingue, “Le Origini: Il suono e la musica” per l’editore Jaka Book.
Collabora con Opera Bosco, il Museo dell’Arte nella Natura di Calcata (VT).
91 - Viene allestita la prestigiosa mostra "LE ORIGINI DEGLI STRUMENTI MUSICALI” al Museo di Storia Naturale di Milano, e nel 93 in Olanda, “Fort Klank” Asperen, per il Conservatorio di Deen Haag.
Seguono concerti, corsi, e laboratori tra cui per il WWF e il Touring Club Italiano. Il fenomeno acquista tali proporzioni da meritare la copertina di Topolino, il settimanale della Walt Disney, con un 5 puntate dedicate a “Suonare la Natura”. Anche la rivista Airone Junior dedica 12 puntate al soggetto. A questo punto il successo è coronato da diverse apparizioni in TV, tra cui le riprese svolte per lo Zecchino d’Oro, all’orto Botanico di Bologna per la RAI 1, alla trasmissione: BIG per la RAI 3 realizzando un laboratorio e un’orchestra con 150 bambini, della scuola del Parco Trotter di Milano,che suonano gli strumenti naturali. Sempre nei primi anni novanta al Parco Trotter, con il patrocinio della rivista Airone , da vita insieme a Bruno Munari, al primo “ Museo delle scoperte” realizzato dai bambini.

Antichi Paesaggi Sonori

Le ricerche e i lavori svolti da Walter Maioli sul “paesaggio sonoro” risalgono ai primi anni 70: vedi la composizione musicale dedicata alle grotte di Altamira (1973) e nel 72 è in Marocco come cacciatore di suoni dove registra in anteprima gli antichi paesaggi sonori, tra deserti, montagne, palmerie e mercati di cammelli, quindi nel’ 80 presenta “Paesaggi Sonori : Il Futuro Antico” a La Non Libreria di Milano. Frequenta i giardini Mogul in Kashmir, gli Orti Botanici; da quello di Padova agli esotici di Leida e Amsterdam. Partecipa a Ravello al convegno sui Giardini Sonori. Pioniere nelle ricerche e sperimentazioni di “Archeoacustica”, e di “Antichi Paesaggi Sonori”, è segnalato per i suoi studi sui “suoni nelle caverne” nel “World Soundscape Project”, (fu invitato al primo raduno costituzionale del World Forum for Acoustic Ecology, nell’Agosto 1993 in Canada).

2011 uscita dell’ AUDIOLIBRO Antichi Paesaggi Sonori - Primavera a Pompei Stabiae ed Ercolano
a cura di Walter Maioli - Il Centro del Suono prodotto da RAS - Restoring Ancient Stabiae Foundation e Il Centro del Suono in coproduzione con la Soprintendenza Archeologica di Pompei. Un lavoro che segna un’epoca: gli antichi suoni e le sonorità naturali dell’area vesuviana, dei paesaggi dipinti sui muri delle antiche vestigia romane. Una parte delle registrazioni effettuate sono presenti nella colonna sonora per la Mostra Otium Ludens presentata nel 2007 a San Pietroburgo – Museo Ermitage, nel 2008 ad Hong Kong – Museum of Art e nel 2009 a Ravenna – Complesso di San Nicolò.

Archeoacustica della Preistoria

73 - Sull’LP Aktuala, il brano : Altamira, la prima registrazione di WM dedicata alle grotte preistoriche.
85 – Studi di Archeoacustica, concerti e registrazione del radioprogramma per la Radio Nazionale Olandese VPRO sugli strumenti musicali preistorici, tra cui le stalattiti e stalagmiti sonore nelle grotte di Toirano e Borgio Verezzi in Liguria. Nel 92 e nel 2006 decine di concerti nella Grotta della Basura.
86 - Presenta in anteprima le sue ricerche di paleorganologia al Simposium di Archeologia ad Amsterdam e per l’inaugurazione del Museom di Den Haag
87 – Collabora attivamente con il Prof. Emmanuel Anati e il Centro Camuno di Studi Preistorici, partecipando a tutti i symposium di Arte Preistorica sinora svolti.
91 – 92 Concerti al villaggio di palafitte Pfahlbauland di Zurigo, alle palafitte di Fiavè (Tr), al Ponte di Veja a Verona, a Narce (Calcata) nella Valle del Treja a Roma e al Centro Studi di Archeologia Africana a Milano.
94 - Coordina per un anno e mezzo la parte musicale ( preistoria, Roma, medioevo) del parco a tema archeologico Archeon a Alphen a/d Rijn in Olanda, realizzando il CD “ 200.000 anni in musica “.
- Partecipazione al documentario per la televisione nazionale francese “Meandre Magic” ambientato nelle Grotte di Arcy sur Cure.
96 - Lavora con Antiquitates di Angelo Bartoli a Civitella Cesi (Vt) e con Renato Fasolo ad Archeoland, Stallavena (Vr).
03 – Concerti e dimostrazioni al Museo archeologico dell’Alto Adige di Bolzano, al Castel Corno Isera, Rovereto (TN) e al Parco di Belvedere di Cetona.
04 – Concerto al Museo delle Palafitte di Ledro (Trento).
10 – Concerti al Parco Naturale di Porto Selvaggio a Nardò (Lecce) e al Convegno “Il significato della musica nella preistoria” a Palazzo Chiaramonte - Steri, Rettorato dell'Università di Palermo.

Archeoacustica dell’Antichità

SYNAULIA - Un’attrazione unica a livello mondiale dai musei, i teatri, e i film.

Il primo gruppo di musica e danza dell’antica Roma. Fondato da Walter Maioli, Nathalie van Ravenstein e Luce Maioli, che hanno svolto ricerche, in anteprima, alla riscoperta del patrimonio sonoro musicale dell’antichità, coordinato e ricostruito decine di strumenti musical, danze, coreografie e recitazioni.
Un’attrazione unica a livello mondiale, hanno partecipato ai film : Il Gladiatore, Sogno di Una Notte di Mezza Estate, Empire, Rome, Nativity, e il recente Agorà . Il grande attore Giorgio Albertazzi li vuole al suo fianco per tre differenti spettacoli , tra cui partecipano e danno la musica alle prime due puntate di Rai 2 : “Albertazzi e Fo raccontano la storia del teatro italiano”. Hanno svolto centinaia di concerti e mostre nelle aree archeologiche e i musei di tutta Europa e stanno riscotendo un caloroso consenso con un gran numero di articoli sulla stampa internazionale e passaggi televisivi; la CNN, e le principali TV nazionali in Italia, Francia, Germania, Olanda, Giappone. Nello scorso dicembre erano presenti in RAI 1 a Super Quark di Piero Angela e recentemente nella trasmissione di RAI 3 Neapolis.

Il progetto SYNAULIA parte nel 94, nel parco a tema archeologico Archeon in Olanda dove Walter Maioli coordina per un anno e mezzo la parte musicale ( Preistoria, Roma, Medioevo) . Partecipano a decine di manifestazioni in Olanda, tra cui nei musei di Leiden e Amsterdam, in Germania, nei musei e negli anfiteatri di Monaco, Trier, Xanten, Aalen, Berlino, Bonn, Bad Gogging, Mainz, Rosenheim; in Svizzera, Francia, Belgio, Spagna, Portogallo, Ungheria.
Concerti in Italia :

Pompei, Stabia, Pozzuoli, Villa Adriana, Palestrina, Ostia Antica, Fiesole, Albano, Urbisaglia, Corfinio, Matelica, Villa Dose, Fiuggi, Lecce, Canne delle Battaglia. Veja, Ferentino, Ostiglia, Volterra, Populonia, Vulci, Murlo, Blera, Canino, Montefiascone, Acquapendente, Marta, Calcata, Capalbio, Bolsena, Vetulonia, Sutri, Ostra, Verucchio, Cerveteri, Pitigliano,Tuscania, Arezzo, Pisa, Sovicille, Castiglion Fiorentino, Grosseto, Firenze, Perugia, Ortona, Cagliari, Como, Padova. A Roma : al Mausoleo di Augusto, i Fori Imperiali, i Mercati Traianei, le Terme di Diocleziano, Circo di Massenzio, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Museo della Civiltà Romana, Museo delle Arti e Tradizioni Popolari, Accademia d’Egitto, Piazza San Pietro, Parco delle Tombe Latine, l’anfiteatro Flavio, il Colosseo. Nel 1999 : “I Suoni dei Misteri” alla Chiesa Anglicana in Via del Babbuino.
Per la BBC radio di Londra, sono state registrate le trombe nell’Anfiteatro Flavio, il Colosseo.
Nel ‘96, è stato presentato in Campidoglio il primo CD SYNAULIA: “Strumenti a fiato” edito dall’Amiata records, a cui è seguito nel 2003 il CD SYNAULIA 2 : “Strumenti a corda”.
06 – apertura del Laboratorio internazionale suoni, musiche e danze dell’antichità romana SYNAULIA IN STABIAE situato nel Campus della fondazione RAS - Restoring Ancient Stabiae - Istituto Internazionale Vesuviano per l'Archeologia e le Scienze Umane a Castellammare di Stabia.

Terapie sonore

Nel 73 con il gruppo Aktuala, a svolto delle sedute avanguardistiche sull’impiego della musica nelle cliniche psichiatriche, come l’Omega di Milano, o presso centri per i diversamente abili e gli anziani. In quegli anni inizia a viaggiare in Oriente tra il Marocco e l’India , passando dall’Egitto, l’Anatolia, La Persia, l’Afghanistan, dove studia le musiche legate alla trance e al potere vibratorio e simpatico dei suoni. Nel 76 inizia un soggiorno di lunghi anni in Himalaya, e in Kashmir dove studia le fondamenta della musica Sufi. In Nepal, è tra i primi ad occuparsi dello sciamanesimo, dei Jackri, in particolare lo studio del tamburo “jankro, per accordare i ritmi cardiaci e delle campane e campanelli produttori di frequenze acute armonizzanti. I campi di interesse in cui Walter si è mosso e si muove sono veramente tanti, ma la sua specialità è avere creato dei connubi interdisciplinari. Dallo studio dell’impostazione vocale (lavorando strettamente al fianco di grandi maestri come Yoshi Oida e Giorgio Albertazzi) all’impiego dei ”mantra” (in India, Nepal e nel modo islamico e cattolico) La sperimentazione elettronica dei suoni della Natura, che in un suo slogan si sintetizza: “dal grido della formica al volo delle galassie”. Nell’80 con Nirodh Fortini compie delle sperimentazioni sul campionamento al computer dei suoni naturali altamente psicoattivi (ricordando che siamo noi che diamo la voce alle macchine), realizzando il CD - TARAXACUM, pubblicato decenni dopo, nel 2001 dalla rivista Anthropos & Iatria. In quel periodo collabora attivamente per due anni con il Dr. Gaetano Roi soprattutto sui casi di “regressione” , tra cui all’Istituto Medico Pedagogico di Asso, attività svolta insieme alla figlia Luce che lo accompagna dall’età di otto anni durante i concerti e le ricerche,preziosissimo ruolo che si consoliderà per tutta l’attività futura.

TEATRO Suoni e musiche

Lavora con i grandi maestri, nel 80 e 82 con il giapponese Yoshi Oida e dal 99 con Giorgio Albertazzi che lo vuole al suo fianco per tre differenti spettacoli : “Eros voglio cantare”, “ Intorno a Dante”, e “Mammi, Pappi e Sirene in Magna Grecia” . Nel 2004 partecipa e realizza con Synaulia, al Teatro Grande di Pompei, la musica per le prime due puntate del progetto televisivo della TV Rai 2 : “Albertazzi e Fo raccontano la storia del teatro italiano”. Nel 2005 compone ed esegue le musiche dal vivo per lo spettacolo : “Serata d’onore per l’Imperatore Traiano” di Pino Quartullo.

FILM e Serial TV
Partecipazione, consulenza, suoni, musiche e danze

Il Gladiatore di Ridley Scott dove sono presenti due brani musicali composti insieme a Nathalie van Ravenstein realizzati con sonorità antiche.
Sogno di Una Notte di Mezza Estate di Michael Hoffman
Nativity della New Line Cinema’s
Empire della ABC
Rome della BBC-HBO
Agorà di Alejandro Amenábar

DOCUMENTARI e VIDEO
Partecipazione, consulenza, sonorizzazioni, suoni, musiche e danze

BBC, CNN, TV Giapponese, Discovery Channel, Nathional Geographic, e video di archeologia sperimentale tra cui per la Rai, il CNR, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma e diversi Musei in Germania.

MOSTRE

La collezione di strumenti musicali del Centro del Suono gestita da Walter Maioli
"LE ORIGINI DEGLI STRUMENTI MUSICALI” è stata presentata :

1988 - Natural Art Laboratory a Morimondo, Milano, nel Parco del Ticino
1991 - Museo di Storia Naturale di Milano
1993 - Fort Klank, Asperen, Olanda. Per il Conservatorio di Den Haag.
1995 - Parco Archeon, Alphen a/d Rijn, Olanda.
2000 - Galleria del Mandorlo di Volterra
2004 - Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino - Trento
2006 - Archeofestival - Perugia
2008 - 2010 - Ras, Castellamare di Stabia (NA)
2009 - 2010 - Biblioteca di Arezzo

LIBRI pubblicati nel settore dell’educazione

* 91 - Walter Maioli, “Le Origini: Il suono e la musica” (Jaca Book, Milano)
* 91 - Walter Maioli e Giordano Bianchi, “Suoni e musiche della natura” (Cemb-
Essegiemme, Milano)
* 93 - Walter Maioli e Manuela Stefani, “L’Orchestra della natura” (Giorgio
Mondadori, Milano)
Inoltre sono stati pubblicati articoli sulle riviste:
ARCHEO, HERA, AIRONE Jr., WALT DISNEY

Selezione dalla discografia

* 73 - AKTUALA, “Aktuala” brani: Altamira e Mammuth R.C. (LP - Bla bla 73)
* 74 - AKTUALA, “La Terra” (LP - Bla bla 74 e CD - Artis 1992)
* 80 - FUTURO ANTICO, “Arte nelle Stelle” (musicassetta autoprodotta)
* 83 - ESPLORAZIONE, brano: Onde corte (musicassetta autoprodotta)
* 85 - WALTER MAIOLI “Anthology” (musicassetta: Sound Reporters,
Amsterdam)
* 91 - ART OF PRIMITIVE SOUND, “Musical instruments from prehistory: the paleolithic “
(musicassetta e CD Archeosound XA1001 )
* 95 - ARCHEON, “200.000 Jarr Muziek”
(CD - Archeon, WTWCD 950301, Olanda)
* 96 - SYNAULIA, “La musica dell’antica Roma, Vol.1 Strumenti a fiato”
(CD - Amiata rec.- ARNR 1396)
* 01 - TARAXACUM – Esplorazione elettronica della Natura
Walter Maioli – Nirodh Fortini
(CD – allegato alla rivista Anthropos & Iatria n. 4 – 2001)
* 02 - SYNAULIA, “La musica dell’antica Roma, Vol.2 Strumenti a corda”
(CD - Amiata rec.- ARCD 1002)
* 03 - WALTER MAIOLI - I FLAUTI ETRUSCHI - Tra Mito, Immaginario e Archeologia
(CD - Soundcenter - CDS01)
* 06 - WALTER MAIOLI - CAVERNE SONORE – I suoni delle stalattiti e stalagmiti -
TOIRANO and BORGIO VEREZZI - LIGURIA – ITALIA
(CD - Soundcenter - CDS02)
* 07 - FUTURO ANTICO – Intonazioni Archetipe -
Walter Maioli – Gabin Dabirè – Riccardo Sinigaglia
(CD - Soundcenter - CDS03)

Potete trovare la musica de Il Centro del Suono, Walter Maioli e SYNAULIA sul sito

soundcentershop.eu
www.soundcentershop.eu
info@soundcentershop.eu

 

Orecchio di Bosh cerchio e puntomateriali verdisoundesign07 soundesign08
Marvellous Sound Montruglio VICD nel ghiaccio
               

Progettazioni acustiche tra natura e tecnologia
per un sound design del futuro

Il primo grande lavoro del sound designer
e quello di educare ad un ascolto e all’ impiego cosciente
dei suoni, del silenzio e della musica.
Che “senso” ha operare con i suoni in un mondo di sordi.

Dal paesaggio sonoro esterno ed interno ai suoni personali,
alla ricerca del benessere psicofisico

paesaggi sonori esterni ed interni
architettura e urbanistica
spazi e tempi acustici
suoni d’arte
fasce sonore
ambient music
sculture
oggettistica
installazioni
luoghi terapeutici
archivio memorie sonore
musei
parchi e giardini
luoghi di lavoro
hotel, ristoranti, negozi
esposizioni e congressi
supersounds per film e teatro
documentari
web



STAMPA – TV - CITAZIONI

L’attività di Walter Maioli e La Mostra “Le Origini degli Strumenti Musicali” hanno avuto il massimo dei riconoscimenti da parte della stampa.
Centinaia di articoli su tutti i maggiori quotidiani e riviste Italiane.
Intere pagine scientifiche come novità in assoluto sulla Stampa di Torino, sul Corriere della Sera di Milano, Archeo. Un consenso così popolare da meritare la copertina di Topolino con una decina di articoli sulla medesima pubblicazione, così su Airone, Panorama, l’Europeo, Corto Maltese, Avvenimenti, Famiglia Cristiana, per citarne alcuni.
Anche
SYNAULIA sta riscuotendo un caloroso consenso con centinaia di articoli, tra cui sulla stampa internazionale e passaggi televisivi; la CNN, e le principali TV nazionali in Italia, Francia, Germania, Giappone.

Referenze

La storia della musica ha avuto inizio con la nascita stessa dell’uomo, qualche milioni di anni fa. Ma questa storia ha un’origine naturale ancora più antica, poiché l’essenza della musica non è altro che la natura stessa.
Di tutta la lunga storia delle origini della musica, Walter Maioli, al tempo etnologo e musicista, ci fornisce i documenti e i mezzi per interpretarli: Walter Maioli che ha la straordinaria capacità di estrarre da ogni strumento, fossile o primitivo che sia, un suono antico di milioni di anni o incontaminato come l’anima di un indigeno.
Giovanni Pinna , Direttore del Museo di Storia Naturale di Milano

…il libro che segnaliamo è soprattutto da guardare. Ha per titolo Il suono e la musica, ed. Jaca Book, e offre il testo di Walter Maioli con le illustrazioni di Michela Rangoni Machiavelli. Si tratta di un’indagine alle sorgenti del suono, tra i materiali e gli strumenti primitivi. Interessante sotto l’aspetto etnologico, il libro comunque è descrittivo. Ha però un pregio, perché passando in rassegna le manifestazioni primordiali ci invita a riflettere sul miracolo acustico da noi prodotto, di cui rimaniamo affascinati. Quel <<Perché la musica?>> dal quale siamo partiti, diventa <<Perché il suono?>> che è domanda ben più inquietante. Alla quale non riesce a rispondere né la filosofia né la fisica né gli altri espedienti escogitati dalla mente umana.
Armando Torno, Filosofia dell’armonia – Il SOLE-24 ORE, 14 Aprile 1991

E’ una preziosa scheggia ritrovata di un’era che si può “narrare” solo ricorrendo a categorie mitiche. E’ qualcosa di veramente arcaico, sepolto nella nostra mente da millenni, che, gradualmente nel corso della serata, si libera. Una dimensione lontana, remota eppure familiare in quanto, pur sovrastrutturati come siamo, ci appartiene nella nostra memoria archetipa.
Antonio Mazza , Il Tempo, Roma 23-10-90

Cacciatore di suoni perduti
Il mio gatto ha drizzato le orecchie. Di solito è impermeabile a qualsiasi tipo di suono che proviene dal televisore, dalla radio o da altri elettrodomestici. Potrei fagli ascoltare Sting, Madonna o Norman Mailer. Sembra sordo. Invece, quando ho messo la cassetta di suoni collezionati da Walter Maioli, per qualche istante l’ho visto guardarsi intorno come se fosse improvvisamente capitato nella radura di una foresta tropicale.
Walter Maioli gira il mondo raccogliendo ed elaborando antichi suoni. Li ha cercati sull’Himalaya. Ma li ha trovati anche molto vicino, persino tra le risaie di casa nostra. Spesso si è fermato ad ascoltare. Ne ricava musica. E fa concerti, come quelli che si sono tenuti al Planetario di Milano o in siti etruschi, sotto le stelle.
Corto Maltese, n°8 - 1991

“ Le illuminanti discussioni con Walter Maioli, probabilmente la più insigne autorità mondiale sugli strumenti musicali preistorici, mi hanno aiutato a dare forma alla mia filosofia della registrazione.”
Luis Sarno, “Il canto della foresta - La mia vita fra i pigmei Ba-Benjellè” , Garzanti, 1995

- L’aspetto più sorprendente uscito dal sesto symposium internazionale sull’arte preistorica e primitiva che si è tenuto in Valcamonica.
Giuseppe Baiocchi, Corriere della sera, Milano 27-7-87

- Il risultato c’è stato e anche gli ascoltatori meno disponibili hanno avuto la sensazione di ascoltare suoni venuti dal passato scoprendo, nello stesso tempo, che anche due pietre battute insieme possono produrre musica e gioia.
Viviano Dominici , Corriere\Scienza , 25-10-87

“ In poche parole Walter Maioli sta mettendo in pratica ciò che Schneider ha scritto…”
Ernst Heins, direttore dell’ Istituto di Etnomusicologia Jaap Kunst di Amsterdam – 1987

“Carissimo amico, hai tutta la mia amicizia e stima profonda. Sarò sempre con te nella ricerca Musica –Archeologia “
Giovanni Belgrano è stato un grande educatore della didattica del suono. – 1994

“Per Walter in segno di affinità spirituale.. con ammirazione.”
Paolo Portoghesi – Architetto – 1993

“Ho ricevuto i documenti che voi avete avuto l’amabilità di farmi pervenire e vi ringrazio vivamente. Io ho molto interesse e ammirazione per le vostre ricerche musicali e vi rinnovo tutto il mio incoraggiamento”.
Jean Clottes – Directeur Antiquités Préhistorique, France – 1991


ICOM – Maison de l’Unesco, Paris, France –
Newsletter of the International Council of Museums – vol. 60 – 2007 > no. 2

L'organo dell'UNESCO per il coordinamento dei musei. L'articolo principale scritto da Alexandra Nicolescu, Archeologa, del Guggenheim di Washington. DC, presenta il lavoro di Walter Maioli, Il Centro del Suono e SYNAULIA. www.soundcenter.it/IcomUnesco.htm#italiano

> Le investigazioni di Maioli sull'impatto delle frequenze tonali degli strumenti antichi e gli elementi della natura nell' ascoltatore hanno costituito un contributo precursore all'adozione di messe a fuoco che si stanno sviluppando ora per applicazioni terapeutiche del suono e della musica, in vista di stimolare e perfino restaurare il cervello umano e l'apparato uditivo con delle tonalità sonore e suoni della natura per calmare e regolare il sistema sensoriale umano.

strumenti mostra

 

L'incontro con John Cage

“…a Cage piacque molto la conferenza e la dimostrazione dei rombi volanti e degli altri strumenti, mostrando, dopo l'evento, la sua gratitudine verso Maioli chiedendogli molte domande specifiche sui diversi strumenti discussi e mostrati”.

Uno degli avvenimenti degni di nota è successo nel novembre 1988, quando John Cage, il grande compositore statunitense, partecipa ad un festival, a lui dedicato, svolto al Conservatorio Reale di Den Haag in Olanda. Walter Maioli venne invitato “a sorpresa” per tenere “una lezione”, si voleva sorprendere il grande maestro con qualcosa che lui non conoscesse: le ultime scoperte e riletture sui suoni e strutture musicali archetipe della preistoria.

La sorte e l'imprevedibilità non solo sono caratteristica dei lavori di Cage, ma evidentemente sono divenute la sua seconda natura, durante il corso degli anni. Rifiutando l'idea di voler connettere i suoni della natura nel progetto” Freshland”, reagisce piuttosto positivamente e con interesse quando sente che Walter Maioli verrà all'improvviso dall'Italia a dare una conferenza e dimostrazione della sua raccolta di strumenti musicali preistorici e naturali. Forse ricordava quei giorni quando era troppo povero per pagare percussionisti per compiere il suo primo pezzo di “Quartetti”, e aveva iniziato a raccogliere tutti generi di oggetti sonori, dietro consiglio di Fischinger. Ma, poteva esserci stata un'altra ragione o, addirittura più probabilmente nessuna ragione del tutto, semplicemente fu attratto da questo evento imprevisto. Qualsiasi sia stata la vera ragione, a Cage piacque molto la conferenza e la dimostrazione dei rombi volanti e degli altri strumenti, mostrando, dopo l'evento, la sua gratitudine verso Maioli chiedendogli molte domande specifiche sui diversi strumenti discussi e mostrati.

Estratto dal libro di Frans Evers “The Language of Image and Sound ” – 2003,
University of Leiden, Faculty of Creative and Performing Arts



SYNAULIA a Speciali Superquark - TV Rai Uno - 23 dicembre 2009

Piero Angela intervista Walter Maioli, e resta affascinato dalle sue ricerche sull'ascolto e
sul potere psicoacustico dei suoni antichi, primo tra tutti
il suono della ricostruzione del sistro egizio di Pompei.

Walter Maioli e Piero Angela

 

Il Centro del Suono: suoni, musiche e danze della Natura, Preistoria e Antichità.
Associazione culturale fondata nel 2001 da Walter Maioli, Luce Maioli,
Nathalie van Ravenstein, Ivan Gibellini e Egidio Forasassi.
Il Centro del Suono gestisce una collezione con migliaia di strumenti musicali, prototipi, reperti originali e repliche da tutto il mondo e un archivio di registrazioni audio dedicate alla natura, preistoria e antichità, per concerti, teatro, mostre, archeologia sperimentale, musei, video, documentari, film, web, cd, sonorizzazioni, sonoterapia, installazioni e progettazioni acustiche tra natura e tecnologia per un soud design del futuro. Attività che ha avuto riconoscimento anche dall’ICOM – UNESCO.

 

Cerchio e punto, logo soundcenter.it

 

Il Centro del Suono: soundcenter@soundcenter.it
Tel. 339 7586817 - 333 4474175

Walter Maioli: waltermaioli@soundcenter.it
Tel. 327 2297213



soundcentershop.eu
download digitale mp3 (256 kbit) disponibile sul sito
www.soundcentershop.eu
info@soundcentershop.eu
indietro